Forni ed essiccatoi SITI-B&T: alta produttività con i minimi consumi

Dai forni Titanium in versione 2.0 alle macchine termiche Hydrogen Ready e Dual Fuel, fino al nuovo progetto di ricerca per lo sviluppo di forni alimentati con un blend spinto di combustibili tradizionali e idrogeno.

L’attenzione che da sempre SITI-B&T dedica alla Ricerca&Sviluppo di soluzioni all’avanguardia per i processi di essiccazione e cottura è ormai codice identificativo di una mission che vuole coniugare le massime performance in termini di qualità, innovazione, automazione e sostenibilità, in nome delle più scrupolose direttive in ambito green technology.

A partire dall’idrogeno, nuova frontiera per guidare l’industria ceramica verso la transizione energetica. Dopo un primo importante fronte siglato dalle macchine termiche Hydrogen Ready, SITI-B&T ha avviato da circa un anno un progetto di ricerca per lo sviluppo di forni alimentati con un blend spinto di combustibili tradizionali e idrogeno. Un obiettivo molto ambizioso, che si pone di sviluppare entro breve una tecnologia di cottura eco-friendly e carbon free, ossia che consenta di abbattere ulteriormente l’utilizzo di combustibili fossili e le emissioni in atmosfera.

Forni flessibili, versatili e Dual-Fuel

Ma la necessità di ridurre i consumi è già stata affrontata con i forni Titanium® in versione 2.0, che si caratterizzano per una fiamma ad alta velocità che genera flussi vorticosi d’aria e fumi all’interno del canale di cottura: questo regime turbolento permette alle temperature di essere uniformi in ogni punto del modulo, siglando una riduzione dei consumi di combustibile superiore al 30%.

Uniformità di temperatura e raffreddamento ottimizzato, dunque, sono tra i plus dei forni SITI-B&T, la cui gamma è composta da Greenfire Kiln (GFK), Premium Kiln (PFK) e Titanium Kiln (Titanium). Un’offerta che può vantare anche una gestione intelligente dei vuoti e del controllo dei parametri di funzionamento forno, a favore di una elevata produttività e di un livello di consumi e di emissioni inferiori ai prodotti di riferimento presenti sul mercato.

I forni di SITI-B&T sono anche estremamente flessibili, nella loro versione monocanale e bicanale; quest’ultima presenta due piani indipendenti per una cottura di prodotti diversi in totale autonomia. In tutti i casi, parliamo di macchine termiche versatili anche nella tipologia di prodotto: il range di temperature da 850° a 1250° e la possibilità d’atmosfera ossidante a tenore d’ossigeno controllato consentono la cottura di piastrelle smaltate e non, graniti ceramici in gres porcellanato, piastrelle in cotto e klinker trafilato, lastre di grandi dimensioni, prodotti in ceramica tecnica, decorazioni e applicazioni terzo fuoco.

Inoltre, la crescente diversificazione dei combustibili ha spinto SITI-B&T a realizzare soluzioni “Dual-Fuel” a doppia alimentazione per integrare gas naturale/metano, GPL, gas di carbone (o povero), gasolio o cherosene.

Come si può evincere, lo sviluppo di soluzioni innovative è un costante concatenarsi di nuovi risultati e nuove sfide, sempre improntate alla massima ottimizzazione del processo e della produzione. Per questo si può sostenere che ad alte velocità si legano minimi consumi, un’uniformità di temperature nella sezione di cottura con differenza massima pari a +/-1°C, una massima efficienza energetica e minime emissioni di CO, CO2 e Nox. Senza dimenticare anche un’ottima planarità grazie a toni e calibri uniformi.

Tale evoluzione ben si integra con le nuove direttive Industry 4.0, legate ai processi di digitalizzazione e di automazione. SITI-B&T dispone di un nuovo sistema di supervisione di proprietà “PEGASO”, oggi evoluto nella versione Praxi Pegaso 4.0, facile e intuitivo, che consente all’operatore di regolare in remoto tutti i parametri del forno e di creare la configurazione ideale della temperatura, potendo contare su una nuova gestione delle ricette, sulla gestione delle soste di produzione, su strumenti di diagnosi e dati storici.

Essiccatoi ad alte prestazioni

Prestazioni elevate e consumi ridotti sono anche al centro della ricerca evolutiva degli essiccatoi SITI B&T, progettati per garantire un’estrema versatilità nelle differenti condizioni di lavoro. In funzione della produttività richiesta, possono variare da 1-2-3-5-7 piani, con larghezze utili sino ai 4000 mm e altezze utili del canale di essiccazione da 50 a 150 mm: caratteristiche che li rendono adatti per qualsiasi tipo di materiale e di formato.

I vantaggi offerti dalla tecnologia SITI-B&T sono innanzitutto in termini di consumi, che possono essere dichiarati tra i più bassi sul mercato (<1300 Kcal/kg H2O evaporata): questo grazie alla presenza di soluzioni tecniche flessibili e al potenziamento della termodinamica. Inoltre, è garantita un’alta efficienza di essiccazione, con una differenza massima di temperatura sul prodotto pari a 5°C dovuta allo scambio iperconvettivo. Di conseguenza, il trattamento sul prodotto vanta un elevato tasso di uniformità in termini di umidità residua.

Le prestazioni degli essiccatoi sono molto elevate, con una usura delle parti ridotta al minimo e il controllo produttivo estremamente efficace: la forte spinta alla digitalizzazione ha consentito di sviluppare un software di supervisione per la gestione dei “set point” di temperatura e di processare i dati di produzione e consumo della macchina. L’operatività viene gestita anche da remoto tramite un pannello operatore con touch-screen da 15”.

Top di gamma dell’offerta SITI-B&T sono gli essiccatoi orizzontali, disponibili nella versione “singolo” o “pluri” canale (fino a 7), che garantiscono altissime prestazioni per ogni tipo di prodotto: grandi lastre e formati inferiori ai 200 mm, estruso, spessori sottili e pure di 20 cm. La struttura modulare, con unità termiche di 2,8 metri, consente regolazioni indipendenti per ogni modulo e garantisce semplicità costruttiva ed estrema rapidità nelle fasi di montaggio e avviamento.

I canali multistrato indipendenti sono facilmente regolabili da diversi punti di controllo. Questa peculiarità consente una grande flessibilità dell’impianto e un notevole aumento della produzione. La versione a canali separati, poi, è dotata di portelli di ispezione per facilitare le operazioni di manutenzione interna.

Performanti, flessibili e anche altamente efficienti: negli essiccatoi orizzontali è possibile recuperare aria calda da forni normalmente presenti ed utilizzarla sia come aria di combustione del bruciatore sia come aria di reintegro per il controllo del punto di lavoro della singola zona termica.

Una soluzione che comporta un’ulteriore possibilità di risparmio energetico, insieme all’utilizzo di adeguati rivestimenti isolanti per minimizzare le dispersioni termiche. La tecnologia di SITI-B&T guarda al complesso dell’intero processo per garantire la sinergia perfetta delle linee e, dunque, la migliore resa produttiva. La capacità di controllo interno della quasi totalità delle procedure realizzative consente lo sviluppo di soluzioni sempre più customizzate, fortemente incentrate sulla digitalizzazione e sull’automazione in chiave green. In questo processo, il cliente è al centro di una visione global-oriented, con la garanzia di tutta la qualità Made in Italy.

Articoli correlati

Forni a idrogeno SITI B&T entro tre anni

08/11/2021

La ricerca del gruppo per la transizione energetica attraverso l’efficientamento delle macchine ter­miche: dal forte e immediato risparmio energetico alla sostituzione dei…

Leggi altro in "Tecnologia"