La parola agli espositori di Tecna: Fabio Tarozzi, Presidente e Ceo di Gruppo B&T

Fabio Tarozzi, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo B&T, illustra gli aspetti chiave della partecipazione dell'azienda a Tecna, dove il Gruppo presenterà più di 20 nuovi prodotti e soluzioni incentrate sull'innovazione e il risparmio energetico.

Quali sono le soluzioni tecnologiche sui cui avete lavorato in questi ultimi anni e che presenterete in fiera?

«Il Gruppo B&T è un system integrator, fornitore di linee complete per il mondo della ceramica in chiave green, con tecnologie Smart 4.0 ed una massima efficienza industriale. Il Gruppo in questi anni ha lavorato e sviluppato soluzioni che rispondono alle esigenze del mercato. Ovvero un’altissima produttività e massima attenzione alla sostenibilità - sia in chiave risparmio energetico che costi di produzioneGruppo B&T si presenta a Tecna quindi con 20 novità tra nuove macchine e upgrade tecnologici per rispondere a queste necessità. 

A livello ceramico stiamo vivendo una rivoluzione conclamata: la formatura senza stampo, che noi decliniamo in una vera e propria pressatura su nastro attraverso la tecnologia SUPERA®. Un sistema compatto e versatile nato per le grandi lastre e che è stato sviluppato nella nuova versione “RAPIDA” anche per i formati più tradizionalmente ceramici, con elevatissimi livelli di produttività (20.000m2 al giorno).

Continuando a parlare di processo produttivo l’altra fase chiave è la macchina termica, una delle tecnologie sulle quali abbiamo puntato maggiormente per sviluppare forni hydrogen-based e accompagnare i produttori ceramici verso la transizione energetica.  A Tecna presenteremo il nostro progetto che si pone un obiettivo molto ambizioso: mettere a disposizione una tecnologia di cottura eco-friendly e carbon free, una nuova generazione di macchine.

Nel frattempo, con l’aumento considerevole dei costi del gas metano, è vitale per i produttori ceramici pensare a come ridurre i consumi energetici nel più breve tempo possibile, per non perdere competitività e redditività. I nostri forni TITANIUM 2.0, best in class, garantiscono prestazioni energetiche di assoluta eccellenza, con una riduzione dei consumi di combustibile del 30%.

Novità anche nell’ambito meccatronico delle linee di scelta con la nuova proposta per grandi formati fino al 120x120 che rappresenta l’innovazione del vero fine linea. A partire da una confezionatrice altamente performante sia come versatilità di formati che di velocità e di qualità delle scatole confezionate fino alla nuova impilatrice, molto più veloce e molto più compatta, di prossima presentazione sul mercato. Anche in questo caso la parola chiave è produttività e semplificazione dei processi.

Il brand Ancora, consociata del Gruppo e marchio storico per linee complete di finitura, presenterà la nuova squadratrice a secco TORNADO, una macchina top di gamma che punta all’automazione spinta. Una tecnologia caratterizzata da un sistema laser di rilevamento del consumo degli utensili che si autoregola e auto adatta, tutto sviluppato in chiave Industry 4.0. La prima di una nuova famiglia di prodotti Ancora, che presenteremo in fiera (lappatrici Matrix e Imperial e macchina super gloss Powerlux).

Projecta, brand specializzato in soluzioni di decorazione digitale, proporrà PRO, una nuova stampante dalla straordinaria capacità di calcolo, grazie ad una nuova architettura hardware e una nuova piattaforma software, oltre ad una generazione di testine di stampa, la Fast Drop (testina brevettata ad altissima velocità di scarico). A questo si aggiunge una delle macchine di punta di Projecta ovvero la DRY FIX, che conta oltre 100 macchine installate».

Cosa vedete nel mercato dei prossimi mesi?

«Stiamo vivendo una ripresa incredibile con valori pre-Covid, il nostro mercato comunque ha sempre vissuto grandi ciclicità. Noi stiamo spingendo anche su tecnologie che sono anticicliche, ovvero legate al cambio delle necessità produttive e non necessariamente al cambio delle capacità produttive.

Inoltre, stiamo constatando che ogni area geografica sta trovando equilibri propri e che ogni paese ha richieste e necessità specifiche. Ecco perché abbiamo sviluppato una rete di filiali in tanti Paesi con mercati ceramici rilevanti».

Quali sono le vostre aspettative su Tecna 2022?

«Le persone hanno voglia di rivedersi e toccare con mano le tecnologie. Avere la possibilità di spiegare dal vivo il valore del nostro lavoro di questi anni dà a noi come azienda e a noi come Paese la possibilità di presentare al mondo l’innovazione che il Made in Italy ha sempre rappresentato, come leader mondiale.

Tecna ha una valenza strategica, rappresenta la fiera leader nella quale noi abbiamo sempre investito e anche in questa edizione esporremo un numero di innovazioni mai presentato prima».

Articoli correlati

Leggi altro in "News"