Torna l’Open Week BMR

Presso la BMR Gallery di Scandiano, in contemporanea con Cersaie 2023.

Il prodotto al centro del fine linea ceramico. È questa la formula che guida la prossima edizione dell’Open Week BMR, dal 26 settembre al 3 ottobre. Come da tradizione, l’azienda apre le porte ai propri clienti per presentare le ultime novità tecnologiche, proseguendo un filone che vede al centro le ultime evoluzioni in chiave “Vision”.

Grazie alla nuova gamma Vision, il fine linea di BMR, in ogni sua declinazione, viene completamente ripensato in chiave digitale: l’intera gamma viene così ridefinita grazie a nuove applicazioni digitali che aumentano il grado di autonomia ed efficienza dell’intero processo.

Grazie all’integrazione capillare tra le macchine e la digitalizzazione, la nuova gamma è in grado di proporre un ecosistema completo che consente di gestire in modo versatile e su un’unica piattaforma ogni tipo di esigenza nell’ambito della finitura della piastrella e della lastra, oltre a efficientare lotti ristretti, produzioni just in time e frequenti cambi di formato e di superficie.

Efficienza energetica, sostenibilità ambientale e valorizzazione della supply chain sono alcuni degli elementi innovativi della proposta Vision, per un processo sempre più oggettivo e sostenibile che si lega perfettamente al tema di “agire industriale”, ovvero ad un approccio alla produzione che presta attenzione alle risorse energetiche, preservandole e contenendo i costi attraverso il controllo operato con le telecamere digitali.

Grazie alla nuova gamma Vision, il fine linea di BMR, in ogni sua declinazione, viene completamente ripensato in chiave digitale: l’intera gamma viene così ridefinita grazie a nuove applicazioni digitali che aumentano il grado di autonomia ed efficienza dell’intero processo.

In questo percorso, la prima macchina appartenente all’ultima gamma progettata dall’azienda di Scandiano è la nuova Squadra Vision.

Figlia diretta della classica squadratrice con telecamere, tecnologia di punta di BMR, si tratta di un impianto evoluto completamente automatico e ingegnerizzato. Grazie a continui upgrade tecnologici, integrati con concetti di Smart Factory e Industry 4.0, si evidenziano molteplici vantaggi in termini di risparmio energetico, eco-sostenibilità e riduzione dei costi di produzione. I test, già effettuati presso i clienti, dimostrano che, a parità di materiale, asportazione e velocità di utilizzo, questa tecnologia con telecamere abbia un consumo della mole inferiore del 40% rispetto a quello con tecnologie laser e affini.

Altra novità in mostra presso la Gallery sarà la nuova gamma Lap-digital-vision, che pone al centro gli aspetti quali l’attenzione al risparmio delle risorse, sia energetiche (minori consumi a parità di produzione) che di materie prime (un consumo più efficiente di utensili e abrasivi, e minore impiego di acqua). Il tutto è reso possibile con l’implementazione dei nuovi sistemi di visione, stato dell’arte di ciò che oggi significa digitalizzazione. Alcune delle novità della nuova gamma sono la SuperShine Digital Vision e Shine Vision.

Grazie alla nuova gamma Vision, il fine linea di BMR, in ogni sua declinazione, viene completamente ripensato in chiave digitale: l’intera gamma viene così ridefinita grazie a nuove applicazioni digitali che aumentano il grado di autonomia ed efficienza dell’intero processo.

La SuperShine si è evoluta nella SuperShine Digital Vision (gamma a 12, 16 e 20 teste). La nuova versione garantisce la gestione di uno o più prodotti in modo indipendente grazie alle pompe peristaltiche per il dosaggio del prodotto, che vengono dotate di due canali di alimentazione. Il circuito di pompaggio passa dal sistema di comunicazione ModBus a quello più efficiente EtherCat, che garantisce un dosaggio più rapido e preciso, limitando la dispersione del materiale. Inoltre, grazie al controllo delle temperature, è possibile aumentare l’uniformità della lavorazione, evitando problematiche dovute agli sbalzi di temperatura.

Grazie alla nuova gamma Vision, il fine linea di BMR, in ogni sua declinazione, viene completamente ripensato in chiave digitale: l’intera gamma viene così ridefinita grazie a nuove applicazioni digitali che aumentano il grado di autonomia ed efficienza dell’intero processo.

Altra grande novità dell’Open Week sarà la ShineVision una macchina che, installata dopo Supershine, utilizza apparecchiature elettroniche combinate ad un sistema di visione atto a verificare la qualità delle lavorazioni superficiali dei manufatti. La macchina può essere composta da un modulo Gloss (per la mappatura del Gloss) e/o da un modulo Graffi (che rileva i difetti estetici e le imperfezioni, riducendo i costi e aumentando la percentuale di prima scelta).

La gamma Lap-digital-vision offre una serie di reali vantaggi operativi, tra cui:

  • aumento della competitività, grazie ad una maggiore produttività;
  • riduzione dei costi, grazie alla diminuzione dell’energia consumata, dei tempi di inattività e degli scarti;
  • identificazione e correzione automatica dei problemi di produzione in linea con la visione industriale che fa parte della rete di controllo della fabbrica;
  • miglioramento delle pratiche di lavoro sostenibili, grazie a un efficientamento delle risorse utilizzate (acqua, utensili e abrasivi) e della riduzione dei difetti;
  • maggiore innovazione: liberare il personale da attività manuali e ripetitive per lavori di maggior valore può portare a una maggiore attenzione al dettaglio del processo facilitando la risoluzione dei problemi.

Il valore aggiunto di questo nuovo asset di BMR è la combinazione dei concetti di visione e di automazione industriale, che permettono di richiamare i parametri di finitura direttamente a ricetta e “correggerli” in tempo reale in base alle necessità, massimizzando in ottica impiantistica le sinergie con i vari fornitori di utensili e additivi. Con questa soluzione l’operatore diventa un tecnico di processo che attraverso una serie di tools è in grado di "pilotare" al meglio la sua linea e correggere in tempo reale le diverse variabili di produzione.

La capacità dei sistemi digitali e di visione industriali BMR è in grado di elaborare una grande quantità di informazioni in una frazione di secondo, con effetti positivi a catena sull’intero processo produttivo per realizzare prodotti con difetti trascurabili.

Altre preziose applicazioni e servizi che potranno essere approfondite durante la Open Week BMR:

  • iManager BMR, la piattaforma di digitalizzazione che permette di ottimizzare la produzione della linea e che abilita BMR ad attivare una serie di servizi post vendita per migliorare la fidelizzazione del cliente e l’ottimizzazione della gestione. Fornito con un sistema standard Plug&Play installabile in poco tempo customizzabile su richiesta del cliente.
  • Efficientamento dell’automazione, ottimizzando lo sviluppo e il collaudo e standardizzando la comunicazione con applicativi esterni (MES, CRM, gestionali...).
  • Monitoraggio produzione: visualizzazione dei dati di produzione a diversi livelli di dettaglio.
  • Smart services: ottimizzazione dei servizi post vendita (manutenzione, ricambi, processo).

Per tutta la durata dell’evento il team di esperti BMR sarà a disposizione dei clienti, all’interno di BMR, per approfondire le tematiche di interesse. È già possibile iscriversi contattando il proprio referente commerciale.

Tags

Articoli correlati